10 mar 2021

Festeggia i 25 anni di Pokémon rivivendo i momenti indimenticabili della regione di Galar

Rivivi i momenti migliori, sia grandi che piccoli, delle tue avventure in Pokémon Spada e Pokémon Scudo.

È da molto tempo che il mondo dei Pokémon viene esplorato in lungo e in largo perciò, in occasione dei festeggiamenti per i 25 anni di Pokémon, abbiamo pensato di ripercorrere le avventure in alcune delle tante regioni visitate nel corso degli anni. La prima tappa del nostro viaggio ci riporta nella recente regione di Galar, apparsa per la prima volta in Pokémon Spada e Pokémon Scudo. Rivivi con noi alcuni dei momenti più indimenticabili delle avventure di Galar.

  1. Il richiamo delle Terre Selvagge

  2. La prima lotta in uno stadio

  3. Ballino, un personaggio a tutto tondo

  4. I muscoli di Mustard

  5. I Pokémon leggendari scendono in campo

  6. Altri momenti da ricordare

Il richiamo delle Terre Selvagge

Le distese delle Terre Selvagge sono uno dei paesaggi più maestosi della regione di Galar, un territorio unico e mai visto prima in un'avventura Pokémon. La prima volta che si mette piede in questa sconfinata distesa non si può fare a meno di essere pervasi da un senso di meraviglia: ci sono tanti luoghi da esplorare, cespugli di erba alta in ogni angolo, Pokémon di grandi dimensioni che scorrazzano liberamente, un alternarsi di condizioni atmosferiche e una serie di tane di Pokémon che emettono delle imponenti colonne di luce.

E se tutto questo di per sé basterebbe a lasciarci a bocca aperta, man mano che proseguiamo la nostra avventura scopriamo che le Terre Selvagge sono ancora più vaste di quanto sembrino all'inizio. Quando si attraversa il ponte sul Fiume di Steamington, appare spesso uno Snorlax che si aggira nelle vicinanze: i fan più fedeli sorrideranno sicuramente nel cogliere il riferimento all'abitudine del Pokémon Sonno di bloccare l'accesso ai percorsi con la sua corporatura imponente.

Con così tanto da scoprire e da fare, non c'è da stupirsi se i giocatori non fanno che tornare ripetutamente nelle Terre Selvagge durante la loro avventura.


La prima lotta in uno stadio

Le lotte nelle Palestre Pokémon sono sempre state molto avvincenti, ma nell'affrontare il primo incontro nello Stadio di Turffield della regione di Galar l'emozione arriva alle stelle. Dopo aver percorso il corridoio e una volta raggiunta l'arena, si viene accolti dalle luci abbaglianti dello stadio, dal travolgente entusiasmo degli spettatori e dai flash delle macchine fotografiche sugli spalti. Quando Yarrow si avvicina per dare inizio alla sfida, si ha la sensazione di partecipare a una lotta epica.

Si entra nel vivo dell'azione e parte una musica intensa e vibrante, a conferma di quanto questo incontro sia memorabile. La tensione sale quando Yarrow fa dynamaxizzare il suo Pokémon e noi rispondiamo con la stessa moneta. La folla accompagna la musica con un tifo sfrenato e i Pokémon in campo aumentano di dimensioni fino a diventare enormi. I Pokémon ora torreggiano sui loro Allenatori e sulla folla e l'incontro si dimostra ancora una volta grandioso.

Abbiamo affrontato tantissime lotte nelle Palestre negli ultimi 25 anni, ma quelle di Galar sono dei veri e propri eventi.


Ballino, un personaggio a tutto tondo

Nel corso dell'avventura nella regione di Galar, si incontrano tantissime persone. Dai pezzi grossi (come il presidente Rose), ai Capipalestra più celebri, ai semplici pescatori: i personaggi di Galar sono tanti e molto diversi. Tra loro, si distingue l'enigmatico Ballino. Dal fisico sorprendentemente atletico e con indosso un costume con una testa grossa e tonda che ricorda una Poké Ball, questo allegro personaggio si trova sempre nei pressi dei vari stadi di Galar. Cogli la palla al balzo e vai a parlargli!

Ballino ha sempre pronte delle parole di incoraggiamento e un regalo speciale, di solito una Poké Ball piuttosto rara. Nessuno conosce la sua vera identità né le sue vere intenzioni, ma è impossibile resistere al suo entusiasmo contagioso e alla sua incredibile generosità.

Diciamocelo chiaro e tondo, ogni incontro con questa mascotte è un vero e proprio enigma... ma proprio per questo è memorabile, no?


I muscoli di Mustard

Una volta giunti all'Isola dell'Armatura tramite il Pass di espansione di Pokémon Spada o il Pass di espansione di Pokémon Scudo, si incontra il Maestro del dojo, Mustard. L'ex-Campione della regione di Galar si è ritirato dalle scene e ora si dedica a insegnare tutti i segreti delle lotte Pokémon. Dopo l'incontro con l'anziano Allenatore, si diventa suoi Allievi e si devono superare tre prove su sua richiesta per dimostrare il proprio valore.

Una volta superate le prove, Mustard offre un Kubfu come ricompensa. In seguito, è possibile far evolvere il piccolo Pokémon leggendario vincendo una serie di lotte nella Torre Acqua o nella Torre Buio. La sfida finale sarà contro Mustard, a prescindere da quale torre si sceglie. Ma attenzione a non farsi ingannare dall'aspetto dell'anziano Allenatore... Potrebbe sembrare fuori forma, con quella comoda tuta che gli conferisce un look rilassato, ma c'è una ragione se lo chiamano ancora "maestro".

Inaspettatamente, il suo allegro sorriso si eclissa lasciando spazio a uno sguardo determinato incorniciato da un paio di sopracciglia aggrottate, e i suoi abiti casual vengono rimpiazzati da un outfit degno di un maestro di arti marziali. Chi l'avrebbe mai detto? Per la sua età, Mustard è ancora tutto muscoli. Altro che lotte Pokémon... Mustard sembra capace di fermare la carica di un Copperajah a mani nude. Questo suo cambiamento improvviso ha un che di comico e di minaccioso allo stesso tempo, rendendo la sfida davvero memorabile.


I Pokémon leggendari scendono in campo

Le terre innevate della corona costituisce la seconda parte del Pass di espansione di Pokémon Spada e del Pass di espansione di Pokémon Scudo, e qui si possono incontrare diversi Pokémon leggendari già visti nei videogiochi della serie Pokémon. Ma sulla Collina Dynalbero, vicino al grosso albero, ci troviamo davanti a qualcosa di inaspettato. Nell'avvicinarci notiamo infatti le Forme di Galar di Articuno, Zapdos e Moltres nel bel mezzo di un... chiamiamolo "dissapore". I tre Pokémon leggendari si affrontano in una breve ma avvincente lotta finché non vengono distratti dal suono del nostro Smart Rotom. All'improvviso smettono di lottare e fuggono in tre direzioni diverse.

Poter osservare dei Pokémon, specialmente dei potentissimi Pokémon leggendari, interagire tra loro in natura senza alcuna intromissione da parte degli umani è un avvenimento raro, e questo "dissapore" (se così si può definire una lotta con scariche e fasci di energia psichica) non fa che stuzzicare la nostra curiosità. Non solo! L'aver interrotto la lotta ci offre un nuovo obiettivo. Dopo che i tre si dileguano, è il momento di partire sulle loro tracce nella regione di Galar nella speranza di catturarli.


Altri momenti da ricordare

Quelli che abbiamo visto sono sicuramente alcuni dei momenti più indimenticabili della regione di Galar, ma ce ne sono altri che meritano di essere ricordati. Del resto, come dimenticare la plateale apparizione dei Pokémon leggendari Zacian e Zamazenta che arrivano all'ultimo secondo per lottare al nostro fianco contro il potentissimo Eternatus nella sua forma Dynamax Infinito? Sicuramente, è un momento incredibilmente avvincente che merita l'acclamazione dei fan.

La maestosità dei Pokémon di grandi dimensioni è raramente di così grande impatto come quando si arriva all'Isola dell'Armatura per la prima volta e, osservando l'oceano, si scorge un Wailord gigante all'orizzonte. I giocatori più audaci che vogliono vedere il Pokémon Megabalena da vicino non devono fare altro che mettersi in sella alla loro Bici Rotom.





Questo non è che l'inizio del nostro nostalgico viaggio nelle varie regioni del mondo dei Pokémon. Torna a trovarci! La prossima tappa sarà la regione di Alola sempre nell'ambito dei festeggiamenti per i 25 anni di Pokémon.

Torna su